Condhotel in Emilia Romagna: cosa sono e come funzionano

  • 22 Febbraio 2019

    Un nuovo progetto di legge appena approvato dalla Giunta della Regione Emilia Romagna prevede l’istituzione (primo caso in Italia) dei cosiddetti “Condhotel”, a metà strada tra condomini e hotel, una rivoluzione nel mercato della ricettività e del turismo. Ma di cosa si tratta?

    Nella sostanza i Condhotel sono strutture miste, dove si prevede la compresenza di camere d’albergo classiche e alloggi privati affittati ai clienti dello stesso albergo. Agli albergatori sarà quindi consentito, con la nuova legge, di poter vendere a privati, come unità abitative per le vacanze, fino al 40% della superfice degli alloggi della propria struttura, a condizione che le risorse ricavate in questa modalità vengano successivamente destinate alla riqualificazione di spazi ed edifici.

    Le stanze, anche una volta acquistate dai privati, dovranno godere di tutti i servizi della struttura alberghiera e nei periodi in cui non saranno occupate dai proprietari saranno affittabili a nuovi ospiti, come normali stanze d’albergo. A gestire questo passaggio sarà il gestore unico della struttura.

    Condhotel in Emilia Romagna: manca l’approvazione del Consiglio regionale

    Il progetto di legge, dopo l’approvazione in seduta di Giunta, dovrà ora ottenere il via libera dall’Assemblea legislativa, il Consiglio regionale dell’Emilia Romagna: l’obiettivo  è che l’approvazione avvenga tra i mesi di marzo e aprile, in tempo per la prossima stagione turistica.

    Comments(1)

    Leave a comment

    Required fields are marked *